Home Revigozzo Valnure Castelli S.P.Q.R. Autori Gastronomia Contatti Link
Aggiornamenti
Antiquitatis analecta
Curiosità...
D. M. Ausonio
Detti latini
Disticha Catonis
Favole di Fedro
Motti e meridiane
Proverbi latini
Publilio Siro
.
Ego sum Qui sum
Antico Testamento
Nuovo Testamento
.
Nisi Dominus...
Ante colligationem
Itinerarium
Preghiere comuni
.
 
    A    
    B    
    C    
    D    
    E    
    F    
    G    
    H    
    I    
    L    
    M    
    N    
    O    
    P    
    Q    
    R    
    S    
    T    
    U    
    V    
 
lab-lau lav-lux
 
Sutor, ne supra crepidam...!

Labor omnia vincit improbus:
Una fatica tenace supera ogni difficoltà.
(Virgilio, Georgiche, I, 144).
Bella sentenza illustrata da innumerevoli scrittori e poeti.

Lacrima Christi
:
Lacrima di Cristo
.
Narra una leggenda che dalle lacrime di Cristo spuntassero tralci che producevano grappoli di uva di inimitabile dolcezza e profumo, e il vino che se ne ottenne venne chiamato "Lacrima Christi ".

Lapsus calami
:
Errore dovuto alla penna.

Ossia commesso dallo scrivente per distrazione o per fretta quando si scrive"Currenti calamo"

Lapsus linguae
:
Errore di lingua.

Facile nelle persone distratte. Si tratta sempre di parole pronunciate senza intenzione, che talvolta, tuttavia, possono aver tristi conseguenze, perchè, come dice il Metastasio: "Voce dal sen fuggita poi richiamar non vale; non si trattien lo strale quando dall’arco uscì".

Latet anguis in herba
:
Nell'erba sta nascosta una serpe.
(Virgilio, Egloghe, III, 93).
È frase comune per richiamar l’attenzione del prossimo contro qualche pericolo nascosto.

Latos vastant cultoribus agros
:
Gli immensi campi sono privati dei coltivatori (Virgilio Eneide libro VIII v. 8).

Le guerre lasciano al loro passaggio desolazione e morte. Sottrae ai campi le energie dei giovani chiamati alle armi che difficilmente ritornano al loro podere: ricordiamo le centinaia di migliaia di morti delle guerre puniche parlando dei romani, e i milioni di ragazzi morti nella prima e seconda guerra mondiale in tempi troppo recenti. Tornando ai soldati romani quando la fortuna gli consentiva di tornare, dopo anni di campagne militari vivi al paesello, scoprivano che boscaglia, rovi e gramigna ne erano i nuovi padroni.

Laudabiliter se subiecit et opus reprobavit
:
Si sottomise in modo lodevole e ripudiò l'opera.
Per comprendere questa espressione occorre risalire a papa Paolo IV che nel lontano 1559 pubblicò il primo "Index librorum prohibitorum" (=elenco dei libri proibiti). Negli anni a venire varie furono le riedizioni di questo lungo elenco di opere proibite dalla Chiesa Cattolica che per aggiornarlo aveva pure istituita la "Congregazione dell'indice". Tornando alla nostra espressione latina altro non era che la formula di rito che indicava la sottomissione dell'autore condannato all'"Indice" all'autorità della Chiesa Cattolica. Dopo quattro secoli di storia venne definitivamente abolito nel 1966, con il "Concilio Vaticano II , da papa Paolo VI.

Laudatis utiliora, quae contempseris, saepe inveniri... asserit narratio
:
La favola insegna che spesso si scopre esser più utili le cose da noi disprezzate che quelle apprezzate
(Fedro, Favole, Libro I, 12,1).
Un cervo specchiandosi alla fonte, ammirava le proprie corna ramose disprezzando invece le gambe perchè troppo magre, nel fuggire poi dai cani si accorse dell’utilità di queste ultime e, quando trattenuto dalle corna impigliate nei rami, finì miseramente, constatò a sue spese la veridicità di questa frase

Laudato ingentia rura, exiguum colito
:
Loda i campi grandi, ma coltivane uno piccolo (Catone Libri ad Marcum framm. 9- Virgilio, Georgiche, Libro II, v.412-13).
Marco Porcio Catone viene ricordato soprattutto per l'avversione per Cartagine, per il suo accanito antifemminismo, per essere morto a 85 anni, età per quei tempi da Guinnes dei primati e, non ultimo, per essersi inimicata quasi tutta la Roma che contava. Figlio di contadini, sembra il suo nome derivi dall'attività di allevatori dei genitori e sempre considerò l'agricoltura attività da preferire al commercio. La frase rivolta al figlio è un invito non a cercare di possedere tanti terreni, quanto piuttosto a coltivare con intelligenza ed in modo intensivo il poco che si possiede.


Laudator temporis acti
:
Nostalgico del tempo passato
(Orazio, Arte poet., 173).
Il poeta scrisse la frase parlando dei vecchi che, non potendo far retrocedere gli anni passati, vi ritornano volentieri con la memoria.
 
lab-lau lav-lux

Segnala questa pagina ad un amico:

Attenzione: l'utilizzo del presente modulo non comporta la registrazione di alcuna informazione.
Ringraziando quanti, visitando queste pagine, apprezzano i nostri continui sforzi per offrire sempre qualche cosa di nuovo ricordiamo che i commenti e le traduzioni sono proprietà del sito
http://www.pievedirevigozzo.org
Ne consegue che le citazioni restano di pubblico utilizzo ma dei "Commenti e traduzioni" ne viene concesso l'uso solo per scopi non commerciali e/o didattici e solo a condizione venga citata la fonte.
Home Revigozzo Valnure Castelli S.P.Q.R. Autori Gastronomia Contatti Link
Grazie per la visita:
pagine viste dal 20.02.06
Visita Revigozzo
con
"Google Maps Street View"
Latinamente.it
Cicero latin tutor.it
Nuntii latini.fi
Nuntii latini.de
Ultimo aggiornamento: 01.10.2015
Diritti riservati come da
Creative Commons License 2.5
CreativeCommons License
Realizzato da Luca, Catia, Mariuccia e Antonio.
Ottimizzato per Internet Explorer e Mozilla Firefox, risoluzione consigliata 800*600 - 1024*768 pixel.
Tutti i diritti riservati.